Buona prassi

Uno dei principali obiettivi della nuova Carta europea della sicurezza stradale è di emancipare ulteriormente i membri affinché creino impegni caratterizzati dalla qualità e dall'efficacia del loro approccio, da un insieme innovativo di risorse, e che rispondano a sfide chiave per la sicurezza stradale. Al fine di riconoscere i tuoi sforzi e promuovere azioni eccellenti nel settore della sicurezza stradale, abbiamo creato l'etichetta delle buone prassi.

Il modo più semplice di definire una buona prassi è di dire che si compone di una serie di azioni (attività, strategie, metodologia, approccio, tecnica ecc.) che sono state valutate in termini di efficacia nell'affrontare un problema di sicurezza stradale e il cui successo è stato dimostrato. Così, le buone prassi si fondano sulla dimostrazione, con chiari indicatori sulla cui base viene misurato il successo. 
Di conseguenza, una componente chiave di un impegno che sarà considerato una buona prassi è un piano di valutazione ben progettato che includa tutti gli aspetti del processo di sviluppo, mostri chiaramente come l'azione procede conformemente al piano iniziale e soprattutto  permetta di misurare l'impatto delle azioni.

Gli orientamenti

IT_Guidelines - Candidates for Good Practice (PDF) IT_Guidelines - Candidates for Good Practice (PDF).pdf
IT_Guidelines Focus on Youth Commitment (PDF) IT_Guidelines Focus on Youth Commitment (PDF).pdf
Road Safety Education Challenge ERSC_IT_AF.pdf

Proponiti come candidato per le buone prassi

La tua organizzazione deve essere un membro registrato della Carta europea della sicurezza stradale

Non sei ancora membro - Aderisci!

Sei già membro? Effettua l'accesso e proponiti qui come candidato per le buone prassi.

Ultimi aggiornamenti: 17/08/2017 | Alto